Trattamenti delle disfunzioni ormonali femminili dall’adolescenza alla menopausa: acne, irsutismo, ovaio micropolicistico, disturbi mestruali, contraccezione, disfunzioni dell’ ovulazione, endometriosi, disfunzioni sessuali, sintomi climaterici ed osteoporosi.

Da circa 32 anni mi dedico allo studio, alla gestione e alla diagnosi delle disfunzioni ormonali femminili dall’adolescenza alla menopausa.

Faccio ricerche, pubblico articoli scientifici su riviste internazionali e svolgo lezioni e corsi ai ginecologi su argomenti di endocrinologia ginecologica in Italia e all’estero.

Attività endocrino ginecologiche

  • Diagnosi e trattamento delle disfunzioni ormonali femminili
  • Contraccezione
  • Disturbi mestruali
  • Ovaio micropolicistico
  • Infertilità da cause ormonali
  • Disfunzioni sessuali da cause endocrine
  • Disturbi menopausali
  • Osteoporosi e ginecologia della terza età

I farmaci sono l’unica soluzione per i disturbi ormonali?

No. Normalizzare lo stile di vita aiuta a ridurre al minimo i trattamenti farmacologici.

Spesso gli ormoni femminili sono alterati da cause psicologiche, come disagi emotivi o relazionali.

Uno stile di vita scorretto, il sovrappeso- obesità, l’alimentazione scorretta o una scarsa attività fisica contribuiscono causare patologie, come ovaio policistico, infertilità da cause ovulatorie, patologie mestruali e tumori femminili.

Ho studiato psicologia clinicasessuologia e dietologia proprio per aiutare a rimuovere le cause delle disfunzioni ormonali e tentare di prescrivere il meno possibile terapie farmacologiche o di limitare alla mie pazienti il ricorso ad interventi chirurgici.

 

Gli ormoni provocano o curano i tumori?

Le terapie ormonali possono aumentare o ridurre il rischio di tumore. Dipende dal farmaco, dalla dose e durata, ma anche da quando, come e chi le usa. Per esempio i contraccettivi ormonali riducono i rischio globale di tumori ovvero chi le usa ha meno rischio  di avere un cancro: può leggere le mie pubblicazioni scientifiche in fondo a questa pagina e nella pagina “chi sono”.

Le terapie ormonali vanno usate se il rapporto benefici rischi è favorevolescelte con curapersonalizzate e seguite nel tempo per valutarne la variabile risposta individuale, adattarle e prevenire eventuali effetti avversi.

 

L’ambiente in cui viviamo può influenzare l’assetto ormonale?

L’ambiente in cui viviamo è sempre più contaminato da sostanze che possono alterare l’assetto ormonale causando infertilità, disfunzioni endocrine e tumori, detti interferenti endocrini. Da sempre mi dedico allo studio di questi argomenti e ho scritto importanti pubblicazioni scientifiche sul rapporto tra inquinanti e tumori femminili come può vedere in fondo a questa pagina e in  quella “chi sono”.

Sono impegnato attivamente nella sensibilizzazione della popolazione e in inziative concrete per migliorare l’ambiente.

Svolgo attività di volontariato per l’ambiente  come membro dell’Associazione Medici per l’Ambiente (ISDE), Associazione Naturalistica Cordenonese e  WWF.

Quali sono le principali attività scientifiche endocrino ginecologiche?

Per quanto riguarda l’area endocrino-ginecologica,  mi dedico a:

  1. Lezioni di endocrino ginecologia a ginecologi in Nord, Centro e Sud America ed Europa come membro del USA- European Menopause Advisory board
  2. Studi e pubblicazioni su terapie ormonali e tumori
  3. Trattamenti ormonali e prevenzione dell’ endometriosi
  4. Rapporti neuro endocrini tra stress e disturbi mestruali e ovulatori
  5. Organizzazione di corsi per medici su terapie ormonali
  6. Trattamenti endocrini dei disturbi sessuali, anche dopo tumori
  7. Terapie NON ormonali dei sintomi menopausali
  8. Gestione dell’ atrofia vaginale e della dispareunia

Risorse informative per le pazienti

Come l’alimentazione può cambiare i nostri ormoni

Il ruolo dei pesticidi nell’insorgenza di problemi ormonali, di infertilità e tumori

Ospemifene: a safe treatment of vaginal atrophy

As dienogest effectively suppresses endometriosis, could it also reduce endometriosis-associated ovarian cancers? A further motivation for long-term medical treatment

If the aim is ovarian cancer prevention and estrogen mediated benefits, not only endometriosis suppression, are contraceptives with ethinilestradiol better than progestogens alone?

VIDEO

Ultimo aggiornamento: 9 febbraio 2020 ore 19:41